Gli Artisti del Festival 2013

Artisti 2013

Per la prima volta una loro opera in Italia, a Rosarno dal 22 al 29 Settembre.

Non conosci il tedesco?
Scopri di più negli aggiornamenti di A di Città su Eppela

Annunci

– 7 giorni [coming soon on Eppela]

Artisti 2013, eppela

-7

Un’anteprima degli artisti che, da tutta Europa, verranno a Rosarno a Settembre

Li riconoscete?

Qualche indizio.

Vengono da Torino, Milano, Madrid, Kiev, Barcellona, Parigi.

Di uno di loro dicono

“arte discreta, sussurrata e volatile: stencil realizzati sulla sabbia, o col vapore acqueo.Micro interventi di comunicazione metropolitana intima e riservata solo a pochi attenti osservatori”

di un altro ancora

“La materia della sua arte deriva dall’osservazione della città e dall’apprezzamento dei suoi componenti, visti non come elementi inerti ma come una palette di materiali traboccanti di possibilità. Il suo spirito ludico, l’attenzione al contesto di ogni opera, e una non invasiva attitudine costruttiva, caratterizzano senza dubbio i suoi interventi”

C’è chi lavora con luce per evidenziare alcuni spazi urbani, chi sceglie grandi pareti di condomini per raccontare la realtà onirica, chi il cemento o gli oggetti che trova per strada…

Nelle prossime settimane altri indizi.

I tutor di AAA cercasi #4: Ivan il poeta di strada

Uncategorized

Immagine

Poeta-artista, ivan nasce il 12 maggio 1981 nel quartiere della Barona, alla periferia sud di Milano. Studente della Facoltà di Sociologia in Bicocca, da sempre attento all’arte e alla società, fonda nel 2002 un laboratorio studentesco finalizzato ad una ricerca didattica sperimentale, promuove una rete di collettivi universitari e collabora come redattore per il quotidiano on line PeaceReporter e come dj per la Postumia Vibes. Dall’estate 2003 assalta la strada a colpi di poesia, dipingendo e affiggendo per le vie di Milano alcune tra le sue poesie che presto raccolgono l’attenzione di cittadini, media e quotidiani. Ad oggi ivan è considerato il riferimento principale per il neonato movimento della Poesia di Strada, “agire poesia” che propone e promuove nuove tecniche e contenuti d’una poetica che spezza il confine elitario della poesia e che si diffonde liberamente in piazza, nelle strade, tra la gente.

articoli correlati:

“Fare arte sociale a Milano”

“Ivan, il poeta che scrive i versi sui muri di Milano”

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

I tutor di “AAA cercasi” #2: Guildor

Uncategorized

Dice Guildor:

“Da sempre sperimento le potenzialità di vari oggetti e mezzi espressivi, provando a capire qual è il messaggio che si nasconde nella loro stessa natura. Questo studio mi ha portato, tra gli altri, al progetto Living Stencils.
Nello stesso periodo ho iniziato un progetto incentrato sulla reinterpretazione dello spazio urbano, dove ho cercato di dare una nuova possibile lettura alla realtà delle cose, sussurando messaggi nascosti nel paesaggio che ci circonda tutti i giorni. In un mondo di persone che urlano, io parlo tranquillamente a chi vuole ascoltare, offrendo un piccolo regalo urbano.”

I tutor di “AAA cercasi” #1: SpY

Uncategorized

ImmagineSpY is an artist from Madrid whose first endeavors date back to the mid-eighties. Shortly after, already a national reference as a graffiti artist, he started to explore other forms of artistic communication in the street. His work involves the appropiation urban elements through transformation or replication, commentary on urban reality, and the interference in its communicative codes.
The bulk of his production stems from the observation of the city and an appreciation of its components, not as inert elements but as a palette of materials overflowing with possibilities. His ludic spirit, careful attention to the context of each piece, and a not invasive, constructive attitude, unmistakably characterize his interventions.
SpY’s pieces want to be a parenthesis in the automated inertia of the urban dweller. They are pinches of intention, hidden in a corner for whoever wants to let himself be surprised. Filled with equal parts of irony and positive humor, they appear to raise a smile, incite reflection, and to favor an enlightened conscience.